COME GESTIRE LE REGOLE NELLA PROPRIA FAMIGLIA

COME GESTIRE LE REGOLE NELLA PROPRIA FAMIGLIA

Tipologie di famiglie a confronto: come trovare un equilibrio nella gestione di regole e confini

Quello che riscontriamo più spesso nel lavoro con le famiglie è la difficoltà nella gestione di regole e confini. Nel tempo abbiamo individuato due tipologie di famiglie che agiscono in modo apparentemente opposto:

  • Famiglie tendenzialmente rigide

  • Famiglie tendenzialmente tolleranti

Partiamo con il dire che non esiste un modello perfetto di famiglia poiché, la famiglia è il risultato unico e irripetibile di una serie di elementi che la compongono. detto questo raggiungere un certo equilibrio fa sempre bene!

Tipologie di famiglie

Vediamo ora caratteristiche e differenze delle due tipologie di famiglie individuate.

Nelle famiglie rigide avremo:

  •  sistema di regole è molto presente 
  • confini molto chiari e definiti tra i membri della famiglia
  • comunicazioni tendenzialmente pragmatiche e orientate ad aspetti pratici

Nelle famiglie tolleranti troveremo:

  •  molte di regole assunte in autonomia dai membri della famiglia
  • confini tra i membri non chiari
  • comunicazioni molto improntate all'emozione e ai sentimenti

In entrambi questi sistemi in genere tutto procede tranquillamente, ma appena un evento esterno o interno interviene, la famiglia va in crisi senza riuscire a gestire l'emergenza.

Nella famiglia rigida potranno emergere conflitti intensi, confini e relazioni che tenderanno a rompersi, mentre nella famiglia più tollerante potremo assistere a situazioni di caos intenso, difficoltà a gestire emozioni e reazioni.

Entrambe queste tipologie di famiglia dunque, nei momenti critici farà fatica a trovare risorse e soluzioni e crollerà sotto il peso degli eventi.

Come si deve comunicare in una famiglia?

Le regole e le modalità di comunicazione all'interno della famiglia rappresentano la sua struttura e la sua solidità in termini emozionali ma non solo, è importante quindi che si sviluppi un buon equilibrio in questo senso.

Soprattutto in presenza di bambini piccoli e adolescenti è importante che il sistema di regole e comunicazioni venga regolato in modo che tutti possano trarne beneficio. Per questo è importante lavorare sulla qualità e la modalità con cui regole e confini vengono gestiti.

È bene ricordare che troppa rigidità e troppa flessibilità sono quasi sempre risultato della paura: nel primo caso si potrebbe temere ad esempio che la situazione possa “sfuggire di mano”, nel secondo caso si potrebbe temere “di perdere l'affetto dei membri della famiglia”.
 
Se le regole troppo rigide opprimono, regole troppo “ballerine” non costruiscono struttura e confini creando caos e ansia.

Inutile dire che questo cambiamento il più delle volte deve essere promosso dai genitori, ma spesso sono proprio i figli che con i loro malesseri o “sintomi”, denunciano che qualcosa non va.

In questi casi è importante armarsi di buona volontà e procedere verso piccoli cambiamenti che possono portare grandi risultati in termini di qualità della vita famigliare.

Quindi ad una famiglia tendenzialmente più rigida dovrebbe cambiare modalità di comunicazione utilizzando toni più calmi e intensificare i momenti di dialogo e riunione. Imparare a parlare di come ci si sente e delle proprie emozioni, condividere idee e stati d'animo aiuta a diminuire di molto l'intensità dei conflitti.

Una famiglia tendenzialmente tollerante potrebbe riflettere sulle conseguenze dell'assenza di regole e come questo possa influire sulla qualità della vita, aiutare a definire i bisogni individuali e mettere un pò di ordine può aiutare i singoli componenti a sentirsi più sicuri e tranquilli migliorando il clima famigliare.

 

Richiedi informazioni

Tutti i campi sono obbligatori